Cerca
  • grandezecky6

Vivaldi: Concerti • Bruno Maderna

Aggiornato il: 19 set 2019

Scrivevo ieri sera a Fabrizio (amico di questa pagina) che avere moltissimi dischi e non ricordare più dove siano finiti è come non averli affatto. Devo dare una svolta a questo mio insopportabile e stupido caos. Ieri 'ritrovo' (mi vergogno a scriverlo, ma spero che a leggere queste righe ci siano altri acquirenti compulsivi) cinque scatole 'fuori dimensione' – confronto quelle che possono contenere LP – il che ho pensato essere piene di libri. Errore, sono tutte piene di 10" di musica classica, più qualche disco di cover sanremesi di Semprini e qualcosa di musica sacra. Primo disco che mostro in questa pagina, che nemmeno si vede su Discogs, è questo con Vivaldi/Maderna. Lo stamper della facciata A riporta 1 • 9 • 57 mentre la facciata B riporta 1 • 2 • 58. Sono propenso a datare queste registrazioni tra la fine di giugno e la prima settimana di luglio del 1957, periodo propizio per le incisioni all'Angelicum, alla fine della stagione concertistica. È altrettanto evidente che la datazione della registrazione al solo anno 1958 è errata (http://www.bibiesse.org/maderna/maderna_disco2.shtml).

Conclamata rarità, il fatto che ci siano state molti anni fa più persone disposte ad offrirmi anche cifre importanti, testimonia una stampa discografica relativamente breve o in copie piuttosto limitate. Su Brunetto Maderna non aggiungo nessuna parola a quello che i seri musicologi e collezionisti dicono di lui. Una cosa però la voglio dire: è tempo che qualche etichetta SERIA si occupi di pubblicare (con TUTTE le relative liberatorie) in via UFFICIALE il lascito interpretativo registrato presso le maggiori emittenti europee e americane di uno dei maggiori genî musicali di tutti i tempi. Ci voglio soldi? Sì, ma molte fondazioni (soprattutto quelle che sono musicalmente dedicate) buttano soldi per finanziare musicanti figli di consiglieri, amici e parenti, gente senza alcun talento ma col cognome giusto. Vogliamo mettere fine a questa 'mafiosità di pensiero' (come diceva Giovanni Paolo II)? Vogliamo capire una volta per sempre che preservare la memoria DI QUALUNQUE ARTE O EVENTO STORICO vuol dire FARE CULTURA (di primissima qualità)?

#collezione #antiquariato

6 visualizzazioni
  • Facebook - Black Circle

©2019-2020 di I dischi di Zecky.

Creato con Wix.com